In Fotocamere Compatte Sony - Recensioni
Sony DSC-RX100M4 Cyber-shot – Recensione

I NOSTRI VOTI

Qualità Immagine8.8
Qualità Video9
Maneggevolezza9
Velocità di Scatto9.1
Dimensione Schermo8.5
Voto Totale 8.9

COSA CI PIACE
  • Altissima qualità delle foto e dei video
  • Moltissime le modalità e gli effetti utilizzabili
  • Possibilità di girare in 4K
  • Slow motion fino a 960 fps
  • Velocità di scatto
  • NFC e Wi-Fi integrati
  • Ottima autonomia della batteria
  • Compatta e leggera
  • Mirino elettronico rapidissimo
COSA NON CI PIACE
  • Audio non eccezionale
  • L’ergonomia poteva essere migliorata
  • Zoom poco potente
  • A volte il menù risulta poco intuitivo
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Sony
  • Tipologia: Compatta
  • Megapixel: 20 Mpx
  • Autonomia: 280 scatti
  • Peso: 298 gr
  • Funzioni Aggiuntive: Wifi, Schermo Reclinabile, Stabilizzatore
  • Scheda Tecnica Completa

Video Sony DSC-RX100M4



Recensione Sony DSC-RX100M4


La Sony DSC-RX100M4 Cyber-shot è una fotocamera compatta avveniristica e reattiva grazie al sensore Exmor RS CMOS da 1 pollice, accoppiato a un processore Bionz X con DRAM memory per aumentarne velocità e fluidità, il tutto in un corpo macchina minimale ed elegante che misura 102 x 58 x 41 mm e pesa solo 298 grammi batteria inclusa.

L’obiettivo della Sony DSC-RX100M4 offre un’ampiezza focale fino a 70 mm in una lente Zeiss Vario-Sonar T* F1.8-2.8. Lo schermo invece è un LCD basculante da 3 pollici e 1,23 milioni di punti, mentre il mirino elettronico a scomparsa è uno SVGA OLED da 2,35 milioni di punti, con velocità massima di 1/32.000 al secondo. Elevata anche la gamma di sensibilità ISO che raggiunge i 25.600 in modalità espansa.

Ma nella Sony DSC-RX100M4 c’è anche spazio per un flash pop-up, zoom ottico 2.9x, modulo Wi-Fi e NFC per la condivisione dei file sui social network e il controllo in remoto via smartphone.

Ma la particolarità della Sony RX100M4 riguarda la possibilità di registrare video 4k in formato XAVC S a 25p (ma solo per 5 minuti), oppure Full HD a 120p a 240fps, 480fps e 960fps con slow motion 40x.

Questa è solo un’anticipazione di ciò che questa fotocamera compatta di fascia alta è in grado di offrire, quindi mettetevi comodi e godetevi la nostra recensione completa in cui vi diremo tutto quello che c’è da sapere sulla Sony DSC-RX100M4 Cyber-shot.

Accessori, Design e Materiali

La scocca della Sony DSC-RX100M4 ha linea e materiali in condivisione con il suo predecessore: ovvero resistente magnesio per un design minimal ma un tantino scivoloso, di colore nero. Per aggirare il problema, il produttore propone degli adesivi pensati per aumentare la presa, in compenso il suo peso piuma da 298 grammi con batteria, le permette di essere portata ovunque con estrema facilità.

Peccato che Sony sia anche un po’ avara negli accessori; l’ampia gamma di microfoni e flash esterni, caricabatterie e custodie è offerta infatti solo in via opzionale, come la custodia in similpelle o pelle in diverse varianti di colore, ma in fondo questa è una caratteristica piuttosto diffusa nell’ambito delle compatte di alta gamma. Nella confezione della Sony DSC-RX100 M4 troverete comunque la batteria ricaricabile NP-BX1, l’adattatore CA AC-UB10C/UB10D, il cavo USB micro, il cinturino da polso e naturalmente il manuale di istruzioni multilingua.

Controlli ed Ergonomia

Cominciamo col dire che la Sony DSC-RX100M4 è una fotocamera decisamente maneggevole, dato che con i suoi 102 x 58 x 41 mm da chiusa, se ne sta comodamente in una tasca. Tuttavia, la maggior parte dei controlli, in plastica, sono piccoli e posti in posizione ravvicinata tra loro sul retro, un bel problema per chi ha delle mani piuttosto grosse; lì si trova anche la ghiera per navigare nelle impostazioni, anche se la direzionalità non è marcatamente definita. In compenso, i pulsanti FN e C posti rispettivamente in alto a sinistra e in basso a destra della rotella, possono essere personalizzati a proprio piacimento.

Il pulsante di scatto con i controlli per lo zoom è invece più grande ed è situato sulla parte alta, poco sotto il tasto adibito ad avviare la riproduzione video, anch’esso collocato in posizione strategica sotto il pollice, con il rischio però che venga premuto accidentalmente. Dietro il pulsante di scatto, si trova quello di on and off e il mini-slide per accendere/spegnere il flash automatico, mentre a destra, troviamo la ghiera in metallo per il controllo delle modalità fotografiche.

A lato, è stato disposto il tasto a interruttore che avvia l’EVF mentre dall’altro si trovano la porta multifunzione USB e HDMI; infine l’anello attorno all’obiettivo consente di regolare manualmente la messa a fuoco, lo zoom, l’ISO e l’esposizione.

Display, Menù e Funzioni Principali

Navigare nel menù (disponibile anche in lingua italiana) della Sony DSC-RX100M4 non è affatto semplice, dato che è diviso in sei macro-aree, ognuna delle quali è costituita da un massimo di 9 pagine. L’aspetto più strano è dovuto al controllo direzionale di sinistra che serve a fare lo scrolling, mentre se si preme a destra non si entra nel sotto-menù, come avviene comunemente su molte altre fotocamere digitali, ma bensì alla pagina successiva.

Un altro aspetto frustrante dell’organizzazione del menù sta nel fatto che molto spesso, per uscire da una modalità ed entrare in un’altra, è necessario fare avanti-indietro con il pad, in più, i messaggi di errore che molto spesso appaiono sullo schermo per avvisare che una data modalità non può essere selezionata, peggiorano ulteriormente l’esperienza dell’utilizzatore, confondendolo inutilmente.

A parte ciò, la Sony DSC-RX100M4 offre un’ampia gamma di opzioni per i professionisti che vogliono un device compatto, reattivo e che offra video ed immagini di alta qualità. Come ad esempio l’ISO, i cui controlli migliorati, per questo modello, offrono 5 preset da 80 fino ad un massimo di 12800 (25600 in modalità estesa).

Un’altra novità presente sulla Sony DSC-RX100 M4 Cyber-shot è la possibilità di girare video in 4K con codec di alta qualità XAVC S, nonché video fino a 960 fps, in slow motion a risoluzioni più basse e la modalità di Auto Dual Rec, che permette di continuare a catturare immagini mentre si filma.

È possibile anche scegliere tra 4 aspect ratio, se visualizzare le immagini in formato JPG o RAW, optare per 3 diverse risoluzioni (la cui massima è impostata a 5.472 x 3.648), e 4 diversi formati per i video in un ventaglio completo di framerate disponibili.

La Sony DSC-RX100M4 offre anche scatti a raffica di 16 fps, superiori a quelli offerti sulle Reflex top di gamma, un Autofocus molto sensibile e variegato, comprensivo di Smile/Face Detection per cogliere i soggetti quando stanno sorridendo, e di 5 diverse modalità per il flash.

Ma uno degli aspetti più completi della Sony DSC-RX100M4, sta nella varietà di filtri creativi (13) presenti, tra cui i classici Seppia, Bianco e Nero, Ritratti e Paesaggi, nei 13 effetti (configurabili a piacimento ma non disponibili in RAW) tra cui HDR, Pop color, Posterization, Retro photo, High contrast mono, Soft focus da aggiungere alle 13 modalità fotografiche (quali Notturno, Macro e Sport Action, per catturare soggetti in movimento).

I professionisti ameranno inoltre le molteplici possibilità offerte dal Focus Magnifer che permette di ingrandire la visuale per utilizzare la messa a fuoco manuale ed essere più precisi sui dettagli, per non parlare delle 11 opzioni più 4 (personalizzabili) per il bilanciamento del bianco.

Per quanto riguarda la gamma dinamica, la vera novità sta nell’S-Log2 presente nel Picture Profile menù, che consente di visualizzare i toni scuri e i mezzi toni in anteprima, anche se un minor contrasto manda in tilt l’AF detection.

Sulla Sony DSC-RX100M4 è anche presente uno schermo LCD TFT da 7,5 cm (3,0″), che oltre a essere particolarmente ampio e luminoso, è anche basculante: di circa 180° verso l’alto per i selfie e di 45° verso il basso.

Interessante anche il protocollo wireless, caratterizzato da connessione di prossimità, per il pairing con smartphone e tablet Android, e da modulo Wi-Fi. Sony offre agli utilizzatori anche il supporto di PlayMemories Camera Apps (PMCA), che permette di inviare i file sui social, di visualizzarli via PC nonché di controllare da remoto la fotocamera compatta. È per il PC anche il software Remote Camera Control per scattare o modificare le impostazioni, mentre Capture One Express è il convertitore RAW gratuito che gestisce risorse e strumenti anche in maniera custom.

La batteria agli ioni di litio NP-BX1 ha un’autonomia di 280 foto con una sola ricarica e la capacità di filmare per 20 minuti in continua nel formato MPEG4 28 M.

Qualità Lenti, Immagini e Video

Passiamo ora al cuore vero e proprio della Sony DSC-RX100M4 Cyber-shot, ovvero il comparto ottico e il sensore che lo gestisce. Il sensore CMOS Exmor RS da 20.1 Megapixel effettivi e l’otturatore anti-distorsione ad alta velocità da 1/32.000, offrono una maggior luminosità fotografica a parità di apertura dell’obiettivo di quello precedente montato sulla RX100 IV, in più l’obiettivo 24-70mm equivalente permette di ottenere immagini panoramiche di elevata qualità e dettaglio.
Non importa dunque che sulla Sony DSC-RX100M4 lo zoom sia di modeste dimensioni, poiché a dispetto della lunghezza focale, gli scatti appaiono nitidi e puliti anche in modalità wide-angle e tele.

Elevata anche la qualità dell’immagine in condizioni di scarsa luce e con ISO elevati, rispetto ad esempio ad una delle sue più acerrime concorrenti, la Panasonic LX100 e la sua antesignana, la Mark III. Le immagini in JPEG appaiono infatti sensibilmente più dettagliate, il rumore digitale è stato ridotto di molto, anche agli angoli e in situazioni di luce piena, i colori appaiono più naturali, anche grazie al filtro ND e ad un contrasto più basso che offre dettagli più nitidi, anche rispetto ad un’altra competitor, la Canon G7 X. Anche la messa a fuoco è stata perfezionata, per garantire un minor effetto sfocato ai bordi.

Ma la vera innovazione della Sony DSC-RX100M4 è il suo mirino elettronico, silenzioso e rapidissimo, che offre la possibilità di mantenere l’Autofocus ad elevati framerate, grazie anche al chip DRAM che supporta il processore. Minori anche i tempi di ricarica che permettono dunque di catturare degnamente anche i soggetti in movimento, per non parlare dell’impatto dell’otturatore elettronico sul dynamic range.

Uno degli aspetti più interessanti di questa fotocamera compatta inoltre, sta appunto nel fatto che non vi è alcuna differenza tra scattare a 1600 ISO o a 125 ISO per poi spingere con la compensazione, in quanto grazie al sensore, il rumore digitale di partenza è già molto basso. Ciò significa che utilizzando un minor livello di amplificazione si ha subito la possibilità di ottenere una più elevata qualità del dettaglio, prima che la foto inizi a sgranarsi.

Quattro sono le modalità di esposizione per i video, già punto di forza della linea Mark. L’aggiunta più importante però è rappresentata dai filmati in 4K (UHD) offerti a 30/24fps in un formato di elevata qualità, di cui la Sony Cyber-shot DSC-RX100M4 è depositaria insieme ad una manciata di altri apparecchi nell’intero comparto delle fotocamere digitali. Purtroppo, non possono essere girati per più di 5 minuti di seguito, probabilmente per non surriscaldare il corpo macchina; gli altri formati disponibili sono: 1080p a 24/30/60/120fps e 720p a 30fps.

Le scene dunque, anche ad alta risoluzione, scorrono fluide, i colori sono fedeli e vi è un’elevata nitidezza del dettaglio. Lo SteadyShot garantisce massima stabilizzazione delle riprese ma insieme al sistema ottico presente nella lente, appaiono di una precisione ancora maggiore, specialmente in condizioni di mobilità e sulle risoluzioni più basse; il microfono è configurabile su due posizioni ma purtroppo non cattura l’audio in maniera eccezionale.

Molte sono le modalità offerte anche per girare: tra cui Focus Peaking e Zebra; purtroppo non è possibile inserire l’Autofocus prima di iniziare il focus selettivo o il Focus Magnification durante le riprese, in compenso, la Sony DSC-RX100M4 è in grado di individuare i soggetti presenti all’interno dell’area di shooting, nonché i volti (tranne che nei formati a 120/100 fps).

La super-moviola fino a 40x poi, permette di girare clip con soggetti in movimento, supportata dalla modalità Quality Priority, che permette di catturare 2 secondi di azione, o di Shoot Time Priority, che rallenta successivamente le riprese per allungare la durata della scena; infine, l’End Trigger consente di avviare la registrazione 2/4 secondi prima di premere il tasto di on, così da cogliere l’istante decisivo.

Le Nostre Opinioni

La Sony Cyber-shot DSC-RX100M4 è una fotocamera compatta di fascia alta, dunque è stata pensata per chiunque cerchi l’eccellenza fotografica e filmica in poco spazio (ma ovviamente ad un costo che non è alla portata di tutti). Moltissime sono infatti le opzioni, gli effetti, le modalità selezionabili e memorizzabili, sia per quanto riguarda le immagini che i filmati. Svariate anche le possibilità offerte all’utente di controllare manualmente alcuni parametri: come ad esempio la messa a fuoco, l’ISO e i tempi di esposizione.

Nel campo delle fotocamere compatte, la qualità delle foto e delle riprese video offerta dalla Sony DSC-RX100M4 è senza dubbio una delle più alte esistenti sul mercato, il tutto in una scocca leggera e maneggevole.

Sfortunatamente, il menù è poco agevole ed intuitivo, ma il mirino elettronico, lo schermo e i moduli di connessione, propongono molteplici possibilità di divertimento. Per quanto offra un’ampia versatilità, la Sony DSC-RX100M4 è inadatta ad effettuare scatti tele con ampia lunghezza focale.

Consigliamo sicuramente l’acquisto di questa compatta, specialmente a chi cerca una fotocamera di fascia alta che permette non solo di ottenere degli scatti eccezionali, ma soprattutto di fare delle riprese video in 4K di elevata qualità e filmati con HFR a frequenze fino a 960 fps.

Scheda Tecnica Sony DSC-RX100M4


  • Tipo di sensore: Sensore CMOS Exmor RS® da 1″ (13,2 mm x 8,8 mm), rapporto di visualizzazione di 3:2
  • Numero di Pixel (effettivi): 20,1 MP effettivi
  • Tipo di Obiettivo: Obiettivo ZEISS® Vario-Sonnar® T* da 24-70 mm con apertura F1,8-2,8
  • Zoom Ottico: 2,9x
  • Tipo di Processore: Processore BIONZ X per dettagli superbi e riduzione dei disturbi
  • Supermoviola fino a 40x
  • Otturatore anti-distorsione: otturatore ad alta velocità da 1/32.000
  • Tipo di Schermo: 7,5 cm (3,0″) (4:3) / 1.228.800 punti / Xtra Fine / LCD TFT
  • Tutte le Specifiche Tecniche Complete sul sito Ufficiale


Sony DSC-RX100M4 Cyber-shot – Recensione ultima modifica: da Staff FotocameraTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff FotocameraTop
Esperti da anni nel settore della Fotografia e della Tecnologia in generale, abbiamo deciso di pubblicare recensioni dettagliate su tutti i modelli di fotocamere in commercio con Test, voti e Classifiche, aiutando gli utenti ad effettuare acquisti più consapevoli e al Miglior Prezzo Online.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz