In Fotocamere Reflex Pentax - Recensioni
Pentax K-70 – Recensione

I NOSTRI VOTI

Qualità Immagine9
Qualità Video8.5
Maneggevolezza8.3
Dimensione Schermo8.5
Voto Totale 8.6

COSA CI PIACE
  • Corpo elegante e tropicalizzato
  • Diversi pulsanti e funzioni a disposizione
  • Display LCD articolato
  • Modulo Wi-Fi
  • ISO fino a 102400
  • Numerosi opzioni disponibili
  • Grande qualità delle immagini realizzabili
COSA NON CI PIACE
  • Impugnatura troppo vicina all'obiettivo
  • Display LCD non touch screen
  • Velocità della messa a fuoco in live view non soddisfacente
  • Obiettivo in dotazione non molto performante
  • Scatto remoto da app migliorabile
  • Risoluzione massima di 1080p
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Pentax
  • Tipologia: Reflex
  • Megapixel: 24.78 Mpx
  • Autonomia: 480 scatti
  • Peso: 688 gr
  • Funzioni Aggiuntive: Wifi, Schermo Reclinabile, Stabilizzatore, Tropicalizzazione
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Pentax K-70


La Pentax K-70 è una macchina fotografica reflex che dimostra di avere diverse qualità da offrire a tutti gli utenti, iniziando da numerose funzioni e opzioni disponibili per arricchire una qualità fotografica già a livelli professionali. La casa madre dimostra di aver pensato molto a come costruire questa macchina che all’interno di un corpo tropicalizzato permette di realizzare scatti a 24 Mpx con un’impressionante range ISO di 100-102400.

La camera non è però esente da difetti, come uno schermo non touch screen o una presa poco pratica, ma per scoprire quanto influiscono sul giudizio complessivo, devono essere obbligatoriamente valutati con attenzione, in modo specifico.

Accessori, Design e Materiali

La Pentax K-70 mostra forma e dimensioni molto simili a quelle possedute dalla Pentax K-50, con dei bordi meno morbidi e più squadrati. Il corpo è realizzato in plastica ma questo non le impedisce di essere resistente, dimostrandosi solida oltre che tropicalizzata per resistere ad acqua, urti e basse temperature. La macchina è disponibile sia in una versione nera che in una con i lati superiore e inferiore in grigio.

Il corpo possiede una forma canonica, con delle dimensioni di 125,5x93x74 mm e un peso comprensivo di batteria e scheda di memoria SD già montate pari a 688 g. Gli aspetti del corpo che colpiscono particolarmente l’attenzione sono il cerchio verde, che spezza il classico nero della superficie, presente intorno al pulsante di scatto, ripreso anche sulle ottiche, e il gran numero di controlli presenti e messi a disposizione dell’utente.

All’interno della confezione della Pentax K-70 troviamo una batteria ricaricabile Li-ion D-LI109 – 39067, un caricabatterie a cavo, una cinghia originale, una copertura per la slitta e una per i mirino, e un tappo per l’aggancio delle ottiche. La carica della batteria riesce a durare fino a 480 scatti, rientrando perfettamente nella media delle altre camere reflex.

Controlli ed Ergonomia

L’ergonomia della Pentax K-70 è decisamente migliorabile in quanto, anche se la forma si adatta perfettamente alla mano e il peso non risulta eccessivo, l’impugnatura è troppo vicina all’obiettivo, creando qualche difficoltà quando la si afferra per poter scattare o girare un video. A parte questo, il grip gommato presente sia sul lato destro che sul sinistro e su l’appoggio posteriore per il pollice permettono una presa solida.

La camera è letteralmente ricoperta di controlli, quantificabili in 19 bottoni, a volte con doppia funzione, che permettono un controllo totale sulla macchina. Questa sovrabbondanza di possibilità potrebbe mettere in difficoltà chi proviene da modelli e categorie fotografiche più basse, ma una volta che ci si fa l’abitudine, è impossibile non apprezzare questa caratteristica.

Sul lato superiore sono presenti il bottone per lo scatto, circondato da uno switch ON/OFF/Video, il pulsante per l’avvio del ripresa e quello per lo opzioni di connettività, oltre che una rotella incassata e una ghiera per la selezione di diverse modalità fotografiche. Ci sono anche il flash a scomparsa e un slitta per l’aggancio di accessori esterni, esattamente sopra il mirino nella parte posteriore e l’obiettivo in quella anteriore.

Il retro è occupato dallo schermo LCD, una rotella incassata, un pad a 4 vie e diversi controlli per le funzioni classiche. Sul lato sinistro c’è l’ingresso per un microfono esterno, oltre che un utile bottone per passare immediatamente al formato RAW e cambiare le impostazioni di fuoco. Sul destro, invece, uno sportello a scatto protegge l’ingresso per la scheda SD e uno gommato le uscite micro USB e HDMI. La batteria può essere inserita alla base della Pentax K-70 dove c’è anche un foro filettato standard, posto esattamente sotto l’obiettivo.

Display, Menù e Funzioni

La Pentax K-70 possiede uno schermo LCD da 3” che ha una risoluzione di 921 mila punti ed è articolato ma purtroppo non touch screen, anche se si dimostra ben visibile anche nelle condizioni di luce molto forte. Il mirino presente è un classico ottico TTL che rimane comunque molto performante, offrendo una visione al 100% del quadro, chiara e luminosa.

La camera mette a disposizione degli utenti diverse funzioni e opzioni, come molti filtri digitali che aggiungono effetti speciali senza la necessità di post produzione o l’opzione D-Range che valorizza la massimo i contrasti tra luci e ombre. Disponibile anche la funzione HDR che unisce tre scatti a esposizioni differenti per per aumentare il range dinamico, e la funzione multi esposizione che combina da due a 2 mila immagini insieme in un’unica foto. Con la funzione personalizzabile AF Fine Adjustment, infine, sarà possibile riutilizzare i vecchi obiettivi Pentax senza bisogno di dover far calibrare da un tecnico macchina e ottiche.

La Pentax K-70 dispone di un modulo Wi-Fi che permette di collegare la macchina a smartphone e tablet per scaricare e condividere i contenuti piuttosto che comandare a distanza la camera. L’app necessaria per poter usufruire di queste opzioni, è un piccolo gioiello tecnologico che potrebbe essere di esempio a molte altre case produttrici, ma non per questo priva di difetti, in quanto il sistema di scatto remoto risulta essere un po’ lento.

Qualità Lenti, Immagini e Video

La Pentax K-70 ha un sensore CMOS con dimensioni 23,5×15,6 mm, senza filtro anti-alias, con un numero di pixel totali pari a 24,24 Mpx. La gamma di ISO disponibile varia da 100 fino all’impressionante cifra di 102400, mentre la velocità dell’otturatore è di 30 -1/6000 sec.

È presente uno stabilizzatore d’immagine interno al corpo, che funziona con qualunque obiettivo agganciato alla macchina e fornisce un grande aiuto sia in condizioni di scarsa luminosità che quando si utilizza un teleobiettivo. La camera, inoltre, è la prima Pentax ad avere un sistema di autofocus ibrido, basato cioè sia sul rilevamento a contrasto che di fase, che si traduce in un aumento della velocità di messa a fuoco, purtroppo ancora non molto soddisfacente quando ci si trova in modalità Live View.

La qualità della immagini realizzate, comunque, è veramente soddisfacente, grazie anche alla risoluzione Pixel Shift che realizza colori più precisi e un dettaglio più fine, specialmente con soggetti fermi. La gestione del rumore è molto apprezzabile e questo difetto visivo inizia a fare la sua comparsa solamente dopo ISO 1600, rimanendo comunque molto controllato anche ad alti valori, con una saturazione del colore sempre ben gestita durante tutta la gamma. Purtroppo l’obiettivo 18-55 mm che si trova in dotazione con la Pentax K-70, pur essendo realizzato per resistere meglio a situazioni ambientali estreme, si dimostra non essere così performante, da sostituire velocemente per sfruttare al meglio il potenziale della macchina.

I video possono essere realizzati, purtroppo, con una risoluzione massima di 1080p a 60 fps, escludendo il formato 4K sempre più richiesto dagli utenti. A parte questo, la resa finale dei filmati è molto soddisfacente anche se sono presenti diversi lati negativi, come ad esempio l’impossibilità di scattare fotografie durante la ripresa.

Le Nostre Opinioni

La Pentax K-70 è indubbiamente una macchina fotografica reflex che presenta molteplici lati positivi che la proiettano nell’olimpo del settore, facendo la felicità di molti fotografi. I videomaker, nonostante la resa qualitativa delle immagini decisamente di qualità, potrebbero però rimanere delusi dall’assenza della risoluzione 4K e alcuni tecnicismi troppo complessi riguardanti la ripresa dei filmati.

Anche se sono presenti alcuni difetti, che comunque possono tranquillamente essere considerati trascurabili, come l’assenza del touch screen o il sistema di messa a fuoco lento in modalità Live View, sono molteplici le motivazioni che possono spingere ad acquistarla. In primis la resa molto professionale delle immagini, supportata da molteplici filtri e funzioni intelligenti per aumentarne la qualità.

La Pentax K-70 è quindi una macchina che può riuscire a soddisfare le esigenze di molti professionisti alla ricerca di nuove opzioni per la propria dotazione, ma anche di fan della casa produttrice, che grazie al sistema AF Fine Adjustment possono riutilizzare i loro vecchi obiettivi Pentax.

Scheda Tecnica Pentax K-70


  • Risoluzione Video (fino a): 1080p 60 fps / 720p 60 fps
  • Risoluzione Foto (fino a): 24MP / 6 FPS Burst
  • Ampiezza Display: 3 pollici
  • Display touch: no
  • Display articolato: si
  • Funzioni aggiuntive: Wifi
  • Microfono: stereo
  • Formato foto: RAW, JPG
  • Connettività via cavo: micro USB, micro HDMI, entrata microfono esterno
  • Tutte le specifiche complete sul sito ufficiale


Pentax K-70 – Recensione ultima modifica: da Staff FotocameraTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff FotocameraTop
Esperti da anni nel settore della Fotografia e della Tecnologia in generale, abbiamo deciso di pubblicare recensioni dettagliate su tutti i modelli di fotocamere in commercio con Test, voti e Classifiche, aiutando gli utenti ad effettuare acquisti più consapevoli e al Miglior Prezzo Online.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz