In Fotocamere Mirrorless Olympus - Recensioni
Olympus OM-D E-M10 – Recensione

I NOSTRI VOTI

Qualità Immagine8
Qualità Video7.5
Maneggevolezza8.8
Velocità di Scatto9.3
Dimensione Schermo8.5
Voto Totale 8.4

COSA CI PIACE
  • Costruzione robusta in metallo
  • Dimensioni Compatte
  • Ergonomia dei controlli
  • Personalizzazione dei comandi
  • Ampia varietà dei modi di scatto
  • Flash integrato
  • Wi-fi integrato
  • Display orientabile
COSA NON CI PIACE
  • Corpo non tropicalizzato
  • Menù poco intuitivo
  • Difficoltà a usare il touchscreen per muoversi nel Pannello Controllo Super
  • Scarsa resa ad alti ISO
  • Assenza scatto silenzioso
  • Necessità di una batteria di scorta
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Olympus
  • Tipologia: Mirrorless
  • Megapixel: 17.2 Mpx
  • Autonomia: 200 scatti
  • Peso: 396 gr
  • Funzioni Aggiuntive: Wifi, Display Touch Screen, Schermo Reclinabile, Stabilizzatore
  • Scheda Tecnica Completa

Video Olympus OM-D E-M10



Recensione Olympus OM-D E-M10


Olympus OM-D E-M10 è la “sorella minore” della fotocamera mirroless OM-D EM5, con cui condivide lo stesso sensore Micro Quattro Terzi Mos da 16 megapixel e il posizionamento dei controlli sul corpo macchina. Dall’ammiraglia di casa Olympus invece (la EM-1), questo modello eredita il processore di immagine TruePic VII e il wifi integrato.

Olympus OM-D E-M10 è dotata di un display orientabile touchscreen da 3 pollici, stabilizzazione sul sensore a 3 assi e mirino elettronico da 1,44 milioni di punti, autofocus ad alta velocità e flash integrato.

Sono inoltre presenti moltissime funzioni personalizzabili che possono fare gola sia al fotografo più avanzato che vuole controllare manualmente la fotocamera, che al principiante che vuole iniziare a fotografare usando le numerose impostazioni predefinite che vedremo più nel dettaglio in questa nostra recensione.

Accessori, Design e Materiali

La confezione della Olympus OM-D E-M10 comprende una serie di accessori, mentre il corpo macchina è riposto all’interno di un sacchetto in tessuto nero, comodo da usare per riparare la macchina quando non viene usata.

Nella scatola troviamo: il cavo USB per collegare l’apparecchio al pc o alla stampante, la batteria e il caricabatteria, il cd con il software Olympus Viewer, il tappo per il corpo macchina, la tracolla, il copri-oculare, le istruzioni d’uso e le informazioni di garanzia.

Olympus OM-D E M10 è una fotocamera mirrorless piuttosto compatta, con corpo costruito quasi interamente in metallo ma non tropicalizzato. Questo significa che non ne è consigliato l’uso in condizioni meteorologiche difficili, perché acqua, polvere o sabbia potrebbero infilarsi nelle parti di giunzione e penetrare all’interno del corpo macchina.

Con l’obiettivo pancake montato, il 14–42 EZ presente in uno dei kit che si possono acquistare, lo spessore della fotocamera arriva a 7 centimetri, mentre larghezza e altezza sono rispettivamente di 11,9 e 8,2 cm.

Il design invece, le dona un aspetto un po’ retro’ ma la sensazione che la macchina restituisce è sicuramente di solidità e robustezza. Come abbiamo scritto prima infatti, la Olympus OM-D E M10 è costruita prevalentemente in metallo, di conseguenza il peso non è leggerissimo rispetto alle dimensioni, ma non è tuttavia una caratteristica negativa, anzi i suoi 400 grammi circa sono ben equilibrati e rendono questa fotocamera mirrorless decisamente piacevole da maneggiare.

Controlli ed Ergonomia

La disposizione dei controlli sul corpo di Olympus OM-D E M10 è molto simile a quella della prima edizione di E-M5, in particolare troviamo le tre ghiere di controllo, il pulsante di scatto all’interno della ghiera frontale, e il pulsante di avvio della registrazione video vicino al tasto Fn2.

La ghiera dei modi di scatto si trova alla sinistra del mirino e include, oltre ai classici modi P,A,S,M anche il modo delle riprese video, il modo iAuto e gli effetti ART. La presenza di tutte queste opzioni di scatto permette al fotografo di usare la fotocamera in modalità totalmente manuale, semi-manuale o anche automatica, come se avesse per le mani una piccola “punta e scatta”, e inoltre può anche applicare filtri creativi alle foto in fase di scatto. Più nel dettaglio, la ghiera dei modi di Olympus OM-D E M10 consente di scattare in:

Modalità iAUTO: è una modalità di ripresa facile che permette anche di sfruttare le guide Live. iAUTO individua il tipo di scena e imposta la fotocamera per scattare automaticamente con le regolazioni più adatte. Inoltre, posizionando la ghiera su questa modalità, si ha accesso a delle funzionalità avanzate per rendere più artistiche le proprie foto.

Modalità SCN: ruotando la ghiera in questa posizione, il display mostra una lista di scene tra cui scegliere quella da impostare, in base al soggetto che si vuole fotografare. La lista delle scene selezionabili è piuttosto ricca e comprende tra le altre Sport, Scena Notturna, Panorama, e-Portrait, Macro e Nature Macro, Tramonto, Fuochi d’artificio.

Modalità ART: con questa modalità si può scegliere di scattare impostando uno dei numerosi filtri artistici. Anche in questo caso l’elenco è lungo e noi ci limitiamo a citare Pop Art, Diorama, Soft Focus, Grainy Film e ART BKT (ART bracketing).

Modalità Photo Story: permette di scattare diverse foto a una scena, riprese da diversi punti di vista. Il risultato è un’unica immagine che contiene tutti gli scatti, disposti all’interno di uno dei numerosi layout disponibili.

Modalità Programma P: la fotocamera imposta in maniera automatica sia il diaframma che la velocità di scatto, in base alla luminosità del soggetto. Il fotografo può scegliere una coppia tempo/diaframma diversa da quella proposta dalla fotocamera.

Modalità Priorità Diaframma A: il fotografo imposta l’apertura del diaframma mentre l’apparecchio determina il tempo di scatto.

Modalità Priorità Tempi S: questa modalità è praticamente l’inverso della precedente, poiché il fotografo sceglie la durata dello scatto mentre la fotocamera imposta automaticamentel’apertura del diaframma.

Modalità Manuale M: è la modalità che dà all’utente il controllo totale sulla fotocamera, poiché può impostare sia l’apertura del diaframma che il tempo di posa, che l’esposizione e il valore ISO. La modalità M dà accesso anche ai modi Bulb e Live Time. Con la Posa B, Bulb, l’otturatore rimane aperto fino a che il pulsante di scatto rimane premuto, e l’esposizione ha termine quando il pulsante di scatto viene rilasciato. Durante la Posa T, Live Time, invece l’esposizione inizia quando viene premuto completamente il pulsante di scatto. Per terminarla bisogna premere di nuovo a fondo il pulsante di scatto.

Modalità filmato: la registrazione inizia e finisce premendo il pulsante dedicato. Durante la ripresa si possono applicare effetti video, che approfondiremo nel paragrafo apposito.

Le altre due ghiere, anteriore e posteriore, sono collocate alla destra del mirino. Servono per impostare diversi parametri, che mutano a seconda della modalità di scatto impostata sulla ghiera dei modi. Possono servire per regolare la compensazione dell’esposizione o modificare il valore ISO, o il bilanciamento del bianco, oppure cambiare l’apertura del diaframma e il tempo di posa.

Alla destra del mirino, vicino alle ghiere, ci sono anche il pulsante multifunzione Fn2, quello per le riprese video e il pulsante di scatto. Ad Fn2 possono essere associate diverse funzioni, a seconda della comodità d’utilizzo. Come impostazione predefinita di fabbrica esso attiva la compensazione di ombre e luci, ma il suo uso è personalizzabile.

Sul retro del corpo macchina poi sono presenti 5 pulsanti, oltre al pad direzionale e alla levetta On/Off per l’accensione e spegnimento dell’apparecchio. Fn1 è impostato di default sul blocco dell’esposizione, mentre immediatamente accanto c’è il tasto Play, per rivedere le foto scattate.

Le funzioni dei tasti del pad direzionale sono quelle standard, ossia frecce direzionali che consentono di spostarsi all’interno del menù o delle funzioni che vengono mostrate sul monitor. Premendo il tasto OK, invece, si entra nel Pannello di Controllo Super, dove si trovano a schermo tutti i principali parametri di scatto come ISO, bilanciamento del bianco, modalità di messa a fuoco e molti altri. Per spostarsi tra le icone del Pannello di Controllo Super si possono usare il pad direzionale e il tasto OK, oppure si può tappare il touchscreen, ma agire in questo modo potrebbe risultare un po’ scomodo dato che le icone sono davvero molto piccole.

Al di sopra del pad ci sono il pulsante per l’accesso al menù principale della fotocamera (MENU), e il pulsante Info, che permette di leggere sul monitor le informazioni di ripresa e di visualizzare i parametri di scatto di una foto quando la si visiona con Play.

Infine, sotto il pad si trova il tasto Cestino, per eliminare foto e video direttamente dalla fotocamera.

Display, Menù e Funzioni Principali

Olympus OM-D E-M10 è dotata di un display lcd inclinabile da 3 pollici. Può ruotare di circa 90° verso l’alto e 45° verso il basso. È uno schermo touchscreen da 1 milione di punti, utilizzabile sia per il tap to focus che per navigare tra le voci del menù.

Il monitor inclinabile è molto comodo soprattutto per scattare con discrezione foto di street, ma chi preferisce usare il mirino ne ha a disposizione uno con risoluzione di 1,44 milioni di punti. Il suo uso è facilitato dalla tecnologia di costruzione Adaptive Viewfinder Brightness, che regola automaticamente la luminosità in base alla luce ambientale.

Come per la maggior parte delle fotocamere Olympus, anche in questo caso il menù non è molto intuitivo, anzi è piuttosto arzigogolato e la navigazione al suo interno non è semplice a causa del grande numero di opzioni selezionabili. È composto da due pagine principali dedicate alle impostazioni di ripresa, una riguardante la riproduzione e il fotoritocco, una per la personalizzazione delle impostazioni della fotocamera, e una sulla configurazione della fotocamera, come data, ora e lingua.

Olympus OM-D E-M10 è una fotocamera mirrorless con funzionalità avanzate molto interessanti, come il sistema di stabilizzazione dell’immagine a 3 assi direttamente sul sensore. Grazie a questa funzionalità è possibile scattare a mano libera ottenendo foto nitide anche a 1/8s. In realtà, rispetto alle altre OM-D, il sistema a 3 assi può sembrare un passo indietro, dato che gli altri apparecchi della stessa serie montano tutti quello a 5 assi, ma nonostante questo il suo funzionamento è efficace.

La modalità di messa a fuoco è a contrasto: è molto reattiva e dispone di una griglia divisa in 81 aree. Sono presenti: AF Singolo, AF Continuo, Manual Focus, AF Singolo + MF, AF Tracking, quest’ultimo ha una buona risposta e insegue senza particolari problemi il soggetto.

Anche le modalità di scatto sono parecchie, una delle più interessanti secondo noi è la cosiddetta LiveComp, che permette di ottenere una foto composita dall’unione di diversi scatti fatti con lunghe esposizioni. È la funzionalità ideale per chi vuole fotografare le startrails (scie di stelle nel cielo notturno) senza dover intervenire successivamente con un programma di fotoritocco per unire gli scatti. Inoltre, attivando LiveComp è possibile seguire in tempo reale sul monitor l’avanzamento della creazione della foto.

A livello di connessioni disponibili, la Olympus OM-D E-M10 è dotata di wi-fi integrato, tramite il quale è possibile collegarla a uno smartphone, tablet o pc per trasferirvi le foto e i video ripresi, oppure controllarla da remoto, previa installazione dell’app Olympus Image Share.
Una volta collegata allo smartphone, inoltre, è possibile usare quest’ultimo per scattare foto e girare filmati, oppure sincronizzate data e ora dello smartphone e della fotocamera per aggiungere informazioni sulla posizione alle immagini sulla fotocamera.

Olympus OM-D E-M10 può anche essere collegata a un pc o a una stampante tramite l’interfaccia USB. In questo caso però sul pc deve essere installato il software Olympus Viewer 3, presente sul cd in dotazione. Se si dispone di una stampante che supporta lo standard PictBridge, invece, si possono stampare le proprie foto direttamente dalla fotocamera senza doverle prima scaricare sul computer. È sufficiente connettere i due apparecchi mediante USB.

È anche possibile visualizzare le immagini su TV grazie alla presenza della porta micro HDMI, che, assieme alla porta USB + A/V output, si trova dietro uno sportellino in gomma sul lato destro dell’apparecchio.

Olympus OM-D E-M10 è alimentata poi da una batteria di 1150mAh e 7,2V, dall’autonomia dichiarata di 320 scatti. Il parere degli utenti però è piuttosto discordante riguardo l’autonomia, perché in molti lamentano una durata molto inferiore rispetto a quella dichiarata, attorno ai 200 scatti. Sicuramente molto dipende anche dal modo d’uso, sfruttare tanto il live view al posto del mirino, ad esempio, diminuisce di molto l’autonomia. Per non avere problemi comunque, il nostro consiglio è di dotarsi di una batteria di scorta, soprattutto se si è soliti fare lunghe sessioni di scatti.

Il flash è integrato e si solleva premendo il pulsante alla sinistra del mirino. La slitta superiore offre il supporto per un eventuale flash esterno, ma quello presente sull’apparecchio è controllabile via wireless. Le impostazioni presenti sono quelle classiche, ovvero fill-in, riduzione occhi rossi, disattivato, sincronizzazione lenta sulla prima tendina, lenta sulla seconda tendina e manuale. Può essere anche personalizzato, impostando il tempo di sincronizzazione massimo (1/250s) e minimo (1/30s).

Qualità Lenti, Immagini e Video

Olympus OM-D E-M10 è dotata di sensore Live MOS Micro Quattro Terzi da 16 Mp e processore TruePic VII. La qualità delle immagini prodotte a bassi ISO è molto buona e si mantiene tale fino a 3200. In questo range le foto sono ben dettagliate e la riduzione del rumore funziona egregiamente. Da 6400 ISO in poi invece i file sono utilizzabili per il web o, al massimo, per stampe di piccole dimensioni. Da sottolineare comunque uno dei punti di forza del processore TruePic VII, ovvero l’ottima gestione della correzione dell’aberrazione cromatica.

Le immagini possono essere salvate in jpeg, raw e raw+jpeg. Per lo sviluppo del raw si consiglia di usare il software proprietario Olympus Viewer 3.

Per ottenere immagini di buona qualità è necessario che anche bilanciamento del bianco ed esposizione lavorino al meglio. Ci sono varie possibilità di scelta del bilanciamento: Auto, Sole, Ombra, Nuvoloso, Incandescente, Fluorescente, Sott’acqua, Flash WB oltre a quattro posizioni personalizzabili dall’utente. Il funzionamento è efficace anche se talvolta tende un po’ al freddo.

La varietà di impostazioni è tanta anche per la scelta del tipo di valutazione dell’esposizione: Digital ESP (automatica su 324 aree), Ponderata Centrale, Spot, Alteluci Spot e Ombra Spot. Di norma l’esposizione automatica si comporta in maniera efficace anche se, nei casi forte contrasto di luminosità, è necessario intervenire in post-produzione per sistemare i valori.

Per quanto riguarda il comparto video, Olympus OM-D E-M10 ha una risoluzione massima di 1920 x 1080 @30p, 24 Mb/s. I file possono essere salvati in formato .mov o .avi con codec H.264. La registrazione video può essere eseguita in una qualsiasi delle modalità di scatto P,A,S,M e consente anche si scattare foto durante la ripresa stessa.
È presente un microfono stereo integrato di cui si può regolare il volume ma non possiede un ingresso audio per un microfono esterno.

Dal punto di vista dell’elaborazione dei filmati, Olympus OM-D E-M10 consente di registrare video con effetti integrati, come Multi Eco, Eco Scatto Singolo, Dissolvenza Artistica e Zoom Video.
La qualità non è particolarmente elevata e le immagini risultano spesso troppo morbide e non ben dettagliate. Chi fa un uso casuale della funzione video si accontenterà, ma chi vuole fare riprese più avanzate dovrà focalizzare l’attenzione su altre fotocamere.

Infine, per concludere la panoramica su questa fotocamera mirrorless, accenniamo all’otturatore elettronico che ha una velocità di scatto massima di 1/4000s e minima di 60s ed è privo di modalità di scatto di silenziosa. A parte questo, sono presenti numerose opzioni, come:

Scatto singolo
Sequenziale H: le foto vengono scattate a 8 fps. I valori di fuoco, esposizione e bilanciamento del bianco sono fissi, identici ai valori della prima foto di ogni serie.
Sequenziale L: le fotografie sono scattate a circa 3,5 fps. Fuoco ed esposizione vengono impostate all’inizio della serie.
Autoscatto 12 sec.
Autoscatto 2 sec.
Autoscatto personalizzato: consente di impostare il numero di fotografie e l’intervallo tra le stesse.

Per quanto riguarda lo scatto a raffica, Olympus dichiara 8fps in Sequenziale H salvando in jpeg. In raw i valori sono ovviamente inferiori e dopo circa 3 secondi si attestano su 2,5 fps.

Le Nostre Opinioni

Olympus OM-D EM10 è sicuramente una fotocamera mirrorless interessante, proposta attualmente ad un prezzo molto competitivo con obiettivo pancake in kit M.Zuiko 14-42mm. La presenza di molteplici modalità di scatto, sia manuali che automatiche, la rendono una fotocamera adatta sia ai principianti, che vogliono entrare nel mondo della fotografia con un apparecchio che non sia un semplice punta e scatta, sia ai fotografi avanzati, che magari la usano come secondo corpo, più leggero e trasportabile rispetto a una reflex digitale.

Olympus OM-D E-M10 ha diversi punti di forza, come il sistema di stabilizzazione che, sebbene sia a soli 3 assi, svolge efficacemente il suo lavoro, il wi-fi integrato, il sistema di messa a fuoco e la possibilità di avere a disposizione un vasto parco ottiche Olympus e di terze parti. L’acquisto di questa mirrorless è sicuramente consigliato, specialmente per il suo ottimo rapporto qualità / prezzo e per le sue dimensioni notevolmente compatte.

Scheda Tecnica Olympus OM-D E-M10


  • Sensore di immagine: 4/3” Sensore Live MOS
  • Risoluzione Effettiva: 16,1 Megapixel
  • Processore: TruePic VII
  • Tipo di Mirino: Mirino elettronico
  • Sensibilità Auto: ISO 200 – 25600 (personalizzabile, predefinito ISO 200 – 1600)
  • Sensibilità Manuale: ISO LOW – 25600 a passi di 1/3 o 1 EV ISO
  • Tipo di otturatore: Otturatore computerizzato sul piano focale
  • Intervallo tempo di otturazione: 1/4000 – 60 s (a passi di 1/3, 1/2, 1 EV)
  • Flash Integrato: si
  • Tipo di monitor: LCD inclinabile – Touchscreen
  • Formati di Registrazione: RAW + JPEG
  • Risoluzione Video: Full HD 1080p
  • Formato di registrazione: MOV (MPEG‑4AVC/H.264), AVI (Motion JPEG)
  • Tutte le Specifiche Tecniche Complete sul sito Ufficiale


Olympus OM-D E-M10 – Recensione ultima modifica: da Staff FotocameraTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff FotocameraTop

Esperti da anni nel settore della Fotografia e della Tecnologia in generale, abbiamo deciso di pubblicare recensioni dettagliate su tutti i modelli di fotocamere in commercio con Test, voti e Classifiche, aiutando gli utenti ad effettuare acquisti più consapevoli e al Miglior Prezzo Online.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz