Fujifilm X100T FinePix è probabilmente è una tra le migliori fotocamere compatte professionali in commercio. Si tratta di una macchina fotografica caratterizzata da un design retro’, da materiali di costruzione di eccellente qualità e da un sensore APS-C X-Trans CMOS II e un obiettivo Fujinon 23 mm f/2. Questa fotocamera compatta è l’ideale per chi cerca il top tra le fotocamere digitali a obiettivo fisso.

Fujifilm X100T FinePix

Il Nostro Voto

Dove Acquistarla al Miglior Prezzo?

 

Video Fujifilm X100T FinePix

 

Recensione Completa Fujifilm X100T FinePix

Fujifilm X100T FinePix è indubbiamente una tra le migliori fotocamere tascabili semi-automatiche per l’utilizzatore professionale, presenti ad oggi sul mercato. Con sensore APS-C (1.5x) X-Trans™ CMOS II da 16 megapixels effettivi e obiettivo 23.0mm f/2.0, si ha infatti la possibilità di ottenere foto molto pulite e nitide, sia in formato RAW che JPEG, anche ad alte ISO e in condizioni di scarsa luminosità.

Il design di questa macchina fotografica è piuttosto semplice ma estremamente funzionale: in alto si trova il pulsante di scatto/avvio del filmato, insieme alle ghiere per il controllo del diaframma, dei tempi e della compensazione, il tutto in una struttura compatta che ricorda le fotocamere a telemetro degli anni ’70, ma con solidità degli anni 2000.

La Fujifilm X100T FinePix dispone di Live View, di un flash integrato con portata di 9 metri e di Wi-Fi per condividere i file e controllare l’ottica da remoto; si può anche scattare a raffiche di 6 FPS ed effettuare video in Full HD da 1920 x 1080p a 60 fps.

Lo schermo LCD da 3 pollici ed il mirino ibrido meccanico/elettronico sono stati rinnovati per dare la possibilità di avere una visuale più precisa, peccato il menù sia un po’ macchinoso e che per applicare dei filtri all’obiettivo, si necessiti di uno scomodo adattatore. Ma vediamo nel dettaglio la Fujifilm X100T in questa nostra recensione…..

1. Accessori, Design e Materiali 

La linea è quella classica di Fujifilm, alla quale è stato destinato il Design Award 2015: corpo macchina squadrato in lega di magnesio (argentato o nero) e similpelle nera di qualità, non resistente però a polvere ed acqua. Ma se l’estetica retr0′ è rimasta dunque sostanzialmente immutata, (in un peso totale di 440 grammi), non si può dire lo stesso dei controlli e dell’esperienza di utilizzo che con questa fotocamera compatta risulta molto più pratica ed immediata.

Nella confezione della Fujifilm X100T FinePix, la casa giapponese ha inserito la batteria ricaricabile al Litio NP-95, il caricabatterie BC-65, la cinghia per il trasporto a spalla, il copriobiettivo, il cavo USB per inviare i file prodotti al computer, il CD-Rom con il software per l’editing e il manuale di istruzioni in lingua italiana. Non viene offerta invece, nemmeno in misura opzionale, la custodia subacquea; ma per avere un po’ di versatilità in più, si possono acquistare l’obiettivo tele ed il grandangolo.

 

2. Controlli ed Ergonomia

Al posto della ghiera circolare sul retro, oggi c’è un pad con selettore a croce per navigare più agevolmente nel menù, mentre dalla parte opposta allo schermo, si trovano quattro pulsanti tondi, volti ad accendere il Wi-Fi, eliminare le fotografie che non soddisfano, avviare lo slideshow e il View Mode.

La posizione e la scelta fatta da Fujifilm rende le impostazioni ancora più rapide per questa Fujifilm X100T FinePix, ma questi pulsanti sono un po’ troppo piccoli e incassati per i nostri gusti; la ghiera è stata invece spostata nella parte alta, per definire la compensazione dell’esposizione, accanto, si trova il tasto cliccabile per lo scatto e la cattura dei video, adibito anche all’accensione/spegnimento della fotocamera digitale, mentre verso sinistra, è stata collocata una rotella più grande per controllare la velocità dell’otturatore.

Ad essere onesti però, si sente la mancanza di una ghiera per il controllo dell’ISO e dell’anello per la messa a fuoco, regolabile solo tramite il tasto posto a lato. Anche il fronte della Fujifilm X100T FinePix è pulito, infatti presenta solo una levetta per scegliere il tipo di mirino: elettronico (EVF), ottico (OVF) e telemetro elettronico (ERF).

Oltre a essere leggera, questa fotocamera digitale è anche maneggevole, dati i suoi 127 mm di lunghezza x 74 mm di altezza x 62 mm di profondità. La pelle finta posta al centro della scocca offre un bel feel anti-scivolo, inoltre c’è spazio sufficiente per riuscire a poggiare il pollice, tenere in mano l’apparecchio, e per premere i pulsanti senza occupare tutto sommato né i comandi né la visuale, grazie al rigonfiamento della parte destra.

 

3. Display, Menù e Funzioni Principali

Con il pad della Fujifilm X100T FinePix si può navigare nel Bracketing Gamma Dinamica, nel Bracketing ISO da 200-6400 (esteso fino a 51200), entrare nella livella elettronica, nella visualizzazione a istogrammi e convertire i file in formato RAW. Ovviamente è presente anche la modalità autoscatto, eleggibile con un ritardo di 10 o 2 secondi. Solo il flash (con la rimozione degli occhi rossi) è automatico, ma la casa madre dà anche la possibilità di connetterne uno esterno TTL con attacco hot shoe.

In generale, per quanto riguarda il menù, dobbiamo dire che ci è sembrato leggermente macchinoso sui comandi avanzati. I professionisti potranno più che altro selezionare la copertura dell’otturatore, che quando è in modalità ottica, attiva in automatico anche il menù. Oltre ad offrire una resa elettronica e meccanica fino a 1/4.000 secondi, il mirino della Fujifilm X100T FinePix può essere impostato anche sulla via di mezzo, tramite una piccola cornice che si frappone alla finestra, per offrire maggior precisione alla messa a fuoco, dato che la casa madre la propone anche in versione manuale. Controllo meccanico anche per l’esposizione, che può essere altrimenti impostata seguendo le funzioni Multi / Spot / Average selezionabili tramite il menù; in più è possibile scegliere la compensazione (a 1/3EV step), tramite la ghiera posta in alto a destra.

Il produttore ha operato delle modifiche anche sul display: ci troviamo infatti dinnanzi ad un LCD TFT da 3″ e 1.040.000 punti, più spazioso del precedente. Velocità dell’Autofocus e dell’accensione non sono paragonabili a quelli di una Reflex; tra uno scatto e l’altro ad esempio, la Fujifilm X100T FinePix non si ricarica molto facilmente, ha però il grande pregio di essere estremamente silenziosa e di offrire performance che si collocano di fatto, tra le migliori della sua categoria.

Chi fosse interessato agli effetti, può fare affidamento ai filtri artistici tipici delle mirrorless, tra cui Monochrome e Sephia e quelli avanzati come High-key/Low-key, Dynamic tone e Soft focus, oltre alla possibilità di ridurre il rumore, modificare il colore e il contrasto e di scegliere tra il Motion Panorama e il nuovo Cinema Chrome, che simula la pellicola.

La vera novità di questa fotocamera prosumer Fujifilm X100T FinePix sta però nell’aggiunta del modulo Wi-Fi, anche se il trasferimento dei file sui social network non è immediato dato che è necessario prima scaricare il programma Photo Receiver (disponibile purtroppo solo per utenti iOS), tramite il quale si possono inviare senza fili le foto sul “rullino” dell’iPhone.

Per il controllo in remoto (anche questo solo per dispositivi iOS) il produttore ha messo a disposizione gratuitamente Camera Remote, il software anch’esso piuttosto rapido, in cui viene proposta l’anteprima dello scatto. Sfortunatamente però, data la mancanza del GPS incorporato, la Fujifilm X100T FinePix non può fornire il posizionamento, che eventualmente può prendere dallo smartphone. Da ultimo, PC AutoSave permette di connettere l’apparecchio al computer via Rete wireless, per chi desideri effettuare più comodamente le modifiche offerte dai più noti programmi di editing.

La memoria interna della Fujifilm X100T FinePix è pari a 55MB ma supporta anche formati esterni (SD, SDHC, SDXC). Sul fondo del corpo macchina troviamo lo sportellino in plastica con chiusura a slide che custodisce l’area dedicata all’interfaccia digitale con uscita microUSB e USB 2.0; accanto si trovano anche le porte HDMI, il connettore per audio e microfono da Ø2.5 mm.

 

4. Qualità Lenti, Immagini e Video

Per quanto riguarda la qualità delle immagini, anche in questo caso, i giapponesi si collocano ai massimi livelli, grazie al sensore X-Trans II da 16 MegaPixel (in formato APS-C), lo stesso presente in tutta la gamma ‘X’, al processore EXR II, che ha reso il mirino elettronico più performante, nonché all’obiettivo da 23.0 mm a focale fissa con apertura massima f/2 e composizione ottica tipica di Fujifilm, ovvero 8 lenti in 6 gruppi (1 lente asferica) con apertura del diaframma F2 – F16 a nove lamelle, per offrire fotografie nitide e dettagliatissime anche in condizioni di bassa luce.

L’equivalente a 35mm (nel formato a 135) non dà però alla Fujifilm X100T FinePix la possibilità di ottenere un buon effetto sfocato, a meno che i soggetti non siano vicinissimi, ma in compenso può essere utilizzato in qualunque situazione fotografica. Peccato manchi la modalità PASM, che però può essere bypassata optando per uno scatto automatico con AF più apertura automatica dell’otturatore.

Oltre alla ghiera di compensazione dell’esposizione da + 3 a – 3 stop, il filtro a densità neutra aiuta a ridurre l’intensità della luce quando l’obiettivo è alla sua apertura massima: infatti le foto scattate con la Fujifilm X100T FinePix non risultano sovraesposte, nemmeno ai bordi o agli angoli, bensì sature al punto giusto nei colori; ottimo dunque anche il bilanciamento del bianco, eventualmente eleggibile personalmente grazie a 9 preset.

Risultati eccellenti si possono ottenere anche ad alte ISO, ma sinceramente consigliamo di rimanere sui 3200 poiché a 6400 si salva il salvabile, anche in RAW. Le ombre ci sono apparse piuttosto cariche, un aspetto che rende questa fotocamera digitale ottima per la street photography; il livello di dettaglio è elevato anche sulla pelle, per effettuare ritratti d’effetto pressoché tridimensionali, ma di notte è meglio impostare l’AF-illumination light, così si evita di produrre quello strano effetto sfocato quando con la Fujifilm X100T FinePix ci si trova in presenza di luce artificiale.

L’Autofocus risulta invece molto reattivo in condizioni di luce accettabili, ma le sue prestazioni calano soprattutto quando viene impostato in modalità continua, nel caso ad esempio si abbia la necessità di riprendere in maniera pulita i soggetti in movimento. Le fotografie a raffica non sono infatti il punto forte di questa fotocamera prosumer, per quanto il mirino sia piuttosto rapido, dato che consente di scattare fino ad 1/32.000 di secondo in modalità elettronica; peccato solo che in questo caso, il flash non possa essere utilizzato, poiché è stato disattivato di default dalla casa madre, in compenso, è dotato di Rangefinder, per dare rilevanza a ben 49 soggetti presenti nella foto, ma grazie al riconoscimento facciale, al sistema Focus Peak Highlight e al Digital Split Image, si ha la possibilità di vedersi magnificare quanto desiderato ed eventualmente cambiarlo. Il mirino ibrido della Fujifilm X100T FinePix ha infatti il grande pregio di unire le prestazioni di quello ottico con i vantaggi del digitale, cosicché si possa visualizzare l’area di interesse ingrandita e sfruttare la messa a fuoco manuale di precisione tramite l’immagine divisa, ovvero l’inquadratura dell’otturatore elettronico mostrata in basso a destra della visuale.

I video invece deludono data la resa poco dettagliata offerta dal sensore, alieno nel campo, ma la gamma dei framerate eleggibili va dai 60fps fino ai 24fps, allo scopo di supportare tutti i formati. Inoltre, gli stessi effetti creativi utilizzabili per la fotografia, possono essere scelti per i propri filmati: come la simulazione della pellicola; mentre per un ‘bokeh’ di grand’effetto, basta impostare il diaframma alla massima apertura. Da ultimo, la Fujifilm X100T FinePix consente di regolare, anche per i clip, non solo l’esposizione manuale, ma anche il tempo di posa e la sensibilità ISO, anche se purtroppo, la qualità HD si traduce in riprese piatte, quasi artefatte e non molto precise, probabilmente a causa della mancanza dello stabilizzatore d’immagine. Decente invece la cattura dell’audio in formato stereo.

 

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Materiali solidi e di gran classe
  • Design particolarmente ergonomico
  • Controlli pratici ed intuitivi
  • Qualità delle immagini di livello pro
  • Possibilità di salvare le foto in formato RAW
  • Modulo Wi-Fi integrato
  • Presenza del mirino ottico/elettronico
  • Presenza di molte funzionalità utili
  • Possibilità di usare tutti i controlli manuali
  • Il Rapporto Qualità / Prezzo è molto buono (ma non è alla portata di tutti)

svantaggi

Svantaggi

  • La qualità delle riprese video poteva essere migliorata
  • Manca la possibilità di regolare l’ISO attraverso una ghiera
  • L’AF è poco preciso
  • Il controllo in remoto è disponibile solo per utenti iOS
  • Lo sharing dei file non è immediato

 

Le Nostre Opinioni

In conclusione, la Fujifilm X100T FinePix offre colori fedeli ed una resa di elevata qualità, che si rivela accettabile anche a 6400 ISO, nonostante il sensore, per quanto molto potente, sia vecchio di almeno 2 anni. La casa madre ha infatti deciso di ribadire i suoi punti di forza, creando un apparecchio che non è rivoluzionario ma assolutamente eccezionale. Ottima ergonomia, uno schermo più ampio e controlli ripensati, hanno migliorato l’esperienza fotografica, mentre l’obiettivo di primo livello si rivela essere la scelta migliore per tutti i professionisti specializzati in ritratti o fotografia di strada, che desiderino un device leggero, versatile e prestante anche in condizioni di scarsa luminosità.

Ma uno degli aspetti aggiuntivi più interessanti introdotti sulla Fujifilm X100T FinePix, è la presenza del mirino ibrido nonché finalmente del modulo Wi-Fi, che, per quanto migliorabile, offre la condivisione dei file sui social network, l’esportazione di questi su Mac o PC nonché il rapido controllo da remoto della fotocamera digitale.

 

Voti Finali

  • Design - 9.2/10
    9.2/10
  • Materiali - 9/10
    9/10
  • Ergonomia - 8.8/10
    8.8/10
  • Qualità Immagini - 9.3/10
    9.3/10
  • Qualità Video - 8.5/10
    8.5/10
  • Qualità / Prezzo - 8.4/10
    8.4/10

Voto Totale

8.9/10

 

 

Share Button

Ti potrebbero interessare anche: