Come Scegliere una Fotocamera DigitaleAvete deciso di acquistare una fotocamera digitale ma non avete idea di quale scegliere?

FotocameraTop.it vi aiuterà attraverso questa guida su “Come Scegliere una Fotocamera Digitale” ad orientarvi in questo vasto mondo della fotografia digitale, specialmente per chi è alle prime armi. Infatti, chi si avvicina per la prima volta al mondo della fotografia e vuole comprare la sua prima fotocamera digitale, o chi vuole semplicemente fare un regalo gradito a chi è già appassionato, non può che rimanere frastornato dalla quantità di marche e modelli di macchine fotografiche presenti sul mercato.

Orientarsi in questo mondo può essere davvero molto complicato, a meno che non si abbia un amico o un conoscente competente in materia o magari non si cominci a frequentare un circolo fotografico, dove si possono ricevere preziosi consigli. Ma la maggior parte delle persone interessate, probabilmente cercheranno le informazioni sulle riviste specializzate o, più facilmente, in rete. Per questo anche noi, con questa guida su come scegliere una fotocamera digitale, vogliamo guidarvi passo passo alla scelta della fotocamera più giusta per le vostre esigenze.

Quindi, se avete intenzione di acquistare una fotocamera digitale ma non sapete assolutamente quale scegliere, non vi resta che leggere questa nostra guida ultra-semplificata, che si racchiude in pochi punti fondamentali da seguire passo passo:

1) Cosa voglio Fotografare?

Il primo passo che il novello fotografo deve compiere è chiarire con se stesso quale tipo di fotografia sia interessato a fare. Questo non è un aspetto secondario perché, come vedremo anche più avanti, alcune fotocamere sono indicate per un certo genere di fotografia, come ad esempio le mirrorless (e alcune compatte professionali) per la street photography, oppure le “compattone” per le foto ricordo.

Questi sono solo due esempi, ma vi garantiamo che acquistare una fotocamera digitale che poi si rivela sbagliata per l’uso che se ne fa, oltre che essere frustrante è anche un inutile dispendio di denaro.

Quindi, il primo consiglio è prendersi il tempo di capire cosa si intende realmente fotografare: foto reportage di viaggi, street photography, paesaggio, ritratti, foto in famiglia, sport motoristici e non, sono una buona indicazione per cominciare a capire le proprie preferenze.

2) Quale Fotocamere Digitale devo Acquistare?

Una volta stabilito il genere di fotografia preferito, si può cominciare a valutare quale fotocamera sia più indicata per praticarlo.

Come abbiamo già detto sopra, sul mercato si trovano fotocamere dalle caratteristiche più diverse. Ovviamente nulla vieta di acquistare una reflex digitale per usarla solo durante cene in famiglia o con amici, ma quello che ci preme sia chiaro, è che sarebbe una spesa eccessiva e che un altro tipo di acquisto sarebbe più adatto.

Per semplificare questo discorso possiamo associare schematicamente i diversi tipi di macchina fotografica ai generi che più le competono:

A) Fotocamere Compatte “punta e scatta”

Tutti abbiamo iniziato con una fotocamera compatta punta e scatta, specialmente quando oramai diversi anni fa, le macchine fotografiche senza pellicola fecero la loro prima comparsa sul mercato. Da allora si sono enormemente evolute, soprattutto come qualità dell’immagine prodotta, inoltre quelle più avanzate integrano funzioni che permettono di impostarle anche manualmente, bypassando così i programmi preimpostati.

Le fotocamere compatte “punta e scatta” sono ideali per l’utente che cerca la semplicità, ottenendo complessivamente delle foto di buona qualità pronte per essere stampate.

Le fotocamere di questo tipo sono consigliate a chi non ha particolari esigenze artistiche ma vuole documentare momenti della propria vita con foto che guarderà prevalentemente sul pc o sul tablet.

Il mondo delle compatte è comunque decisamente variegato: si va dai modelli più piccoli al di sotto dei 100 euro, con funzioni e impostazioni base, ai modelli cosiddetti “prosumer” (termine formato dalla fusione delle parole “professional” e “consumer”). Le prosumer, conosciute per lo più come “bridge”, sono adatte ai fotografi più avanzati che vogliono un maggiore controllo sulle funzionalità della macchina. L’aspetto è simile a quello di una reflex ma, a differenza di queste, montano ottiche fisse ed hanno delle dimensioni più ridotte. Sono costruite con materiali di qualità e le foto che producono sono di livello superiore rispetto a una normale compatta. Come prezzo sono praticamente alla pari con le reflex digitali entry level, ma non ne eguagliano comunque la qualità, specie in condizioni di luce difficili.
D’altronde sono molto più comode da portare con sè, perché più leggere e di dimensioni inferiori.

B) Fotocamere Mirrorless

Sono macchine fotografiche di ultima generazione che negli ultimi anni hanno avuto un buon riscontro di vendite. Dal punto di vista della tecnologia interna, si pongono virtualmente a metà strada tra una reflex digitale e una compatta di alto livello.

Le mirrorless hanno l’indubbio vantaggio di essere molto maneggevoli, comode da portare sempre con sè per fotografare velocemente in ogni occasione. In questo senso si potrebbe pensare che non ci sia una gran differenza con una compatta di buon livello, ma non è così. A differenza di queste, infatti, la maggior parte delle mirrorless ha obiettivi intercambiabili: si possono montare, ad esempio, un grandangolo per le foto di paesaggio, un teleobiettivo per le riprese naturalistiche o di particolari architettonici, anche i fish-eye per ottenere quel particolare effetto di arrotondamento delle linee. Ne esistono anche a ottica fissa ma in ogni caso non sono da confondere con le compatte, che hanno un sensore più piccolo e quindi una qualità dell’immagine più bassa.

A occhio, le mirrorless sono simili alle reflex digitali ma rispetto a queste hanno dimensioni più ridotte e leggere. Anche il mondo delle mirrorless è popolato da numerosissimi modelli, alcuni dei quali arrivano a costare anche alcune migliaia di euro: in questo caso sono per lo più usati da fotografi di professione, che magari usano la mirrorless per affiancarla alla macchina fotografica principale, ovvero la Reflex.

Questo tipo di fotocamera digitale è adatto all’utente che decide di approfondire il discorso sulla fotografia, studiandone le tecniche e imparando a governare la propria macchina. Sono ideali per chi proviene dal mondo delle compatte e vuole fare il salto di qualità perché non si accontenta più di puntare e scattare.

Dal punto di vista strettamente pratico, le mirrorless sono macchine ideali anche per la street photography, ovvero la fotografia di strada, e il reportage. É un genere che richiede al fotografo una gran velocità d’esecuzione, possibilmente senza dare nell’occhio, quindi è necessario avere una macchina di ottima qualità e che non sia ingombrante.

Questo non significa che non si possano usare in altri ambiti: le mirrorless vanno bene per ogni genere fotografico ma in fase d’acquisto bisogna tener presente che il parco ottiche è più esiguo rispetto a quello delle reflex e quindi potrebbe non soddisfare tutte le esigenze dei diversi stili fotografici.

C) Fotocamere Reflex Digitali o D-SLR

Da quando sono comparse sul mercato, le reflex digitali o D-SLR hanno subito conquistato il cuore di tutti i fotografi. Sono le dirette discendenti delle macchine fotografiche analogiche e di queste condividono le principali caratteristiche: hanno ottiche intercambiabili che coprono tutti gli angoli di visuale, tra tutte le macchine digitali sono quelle con il sensore più grande (a parte le full frame, che però sono strumenti da professionisti e prosumer), possono essere usate sia in modalità manuale, che automatica, che semiautomatica.

Le fotocamere Reflex Digitali rappresentano l’apparecchio migliore per chi si avvicina alla fotografia con lo scopo di conoscere e sperimentare le diverse tecniche. A differenza di qualche anno fa, il loro prezzo si è notevolmente ridotto tanto che una reflex entry level con obiettivo in kit (di solito un 18-55 mm) si trova attorno ai 350 euro, in offerta anche a meno.

Bisogna però tener presente che chi acquista una reflex entry level e si appassiona alla fotografia, molto probabilmente dopo solo un anno di utilizzo, sentirà l’esigenza di cambiare corredo e di comprare non solo un modello più performante, ma soprattutto obiettivi di qualità maggiore. Ciò che fa la differenza, infatti, non è solo il corpo macchina, le cui funzioni possono variare di numero, da modello a modello, ma la qualità di un obiettivo. Un buon obiettivo, spesso costa più della macchina stessa.

Il sistema reflex è adatto per ogni genere di fotografia a patto che siate disposti a portare con voi un apparecchio di un certo peso e almeno un paio di ottiche. Non sarà molto comodo, ma chi vuole divertirsi a sperimentare e a ottenere il massimo dalle proprie foto, non può fare a meno di iniziare da una buona fotocamera reflex digitale.

3) Il Budget è Importante

Dopo avere visto le caratteristiche principali delle varie tipologie di fotocamera, passiamo a un aspetto pratico molto importante: la scelta del budget. Prima di decidere quale fotocamera comparare, è buona norma stabilire quanto si è disposti a spendere.

In tal modo è più facile orientarsi tra le miriadi di modelli, infatti sia che si voglia una compatta, una mirrorless o una reflex, si può letteralmente rimanere sommersi dalla quantità di fotocamere attualmente in vendita.

Un consiglio generale è di approcciarsi per gradi alla fotografia, senza spendere subito migliaia di euro e magari ritrovarsi in mano un apparecchio che non si sa come sfruttare. Quindi, in generale, per i neofiti, sono più consigliati modelli entry level che, in un secondo tempo, si possono aggiornare, sostituendone ad esempio gli obiettivi, nel caso in cui si tratti di reflex o mirrorless.

4) Caratteristiche Principali da Tenere in Considerazione

Vediamo ora quali sono le caratteristiche principali da tenere in considerazione quando si ha intenzione di comprare una fotocamera digitale. La domanda che molti si chiedono è: Quali caratteristiche deve avere una buona fotocamera digitale? Vediamo dunque di analizzare le caratteristiche più importanti da valutare per scegliere una buona fotocamera digitale:

A) I Megapixel

Se si dà ascolto agli spot pubblicitari dei produttori di fotocamere digitali, più megapixel ha una macchina, più le foto riescono meglio. In realtà le cose non stanno proprio così e una macchina fotografica da 6 megapixel, può scattare foto altrettanto belle di una da 24 megapixel: quando guarderemo le due foto sullo schermo del pc, non noteremo praticamente nessuna differenza tra l’una e l’altra.

Senza addentrarci in discorsi troppo tecnici, possiamo dire che la differenza si noterà, ad occhio, quando andremo a fare un ingrandimento delle nostre foto. Per ottenere una buona stampa di 13 x 19 cm, è sufficiente infatti uno scatto fatto a 3 Mpx, mentre si può avere un ingrandimento di 20 x 30 cm di ottima qualità con una macchina da 8 Mpx.

Più in generale, possiamo affermare che il numero dei megapixel incide sulla qualità dell’ingrandimento finale della foto. Certo, chi vuole stampare poster con le proprie foto non può non tenerlo presente ma chi le stampa in piccolo formato o le vuole solo condividere sul web non ha bisogno di fotocamere da più di 8-10 Mpx.

B) Il Sensore

È molto importante sapere le dimensioni del sensore: una macchina con molti Mpx ma con un sensore piccolo, scatta peggio di una con meno Mpx ma con un sensore più grande.

Ogni sensore è formato da milioni di pixel che catturano la luce: semplificando, potremmo dire che a parità di megapixel un sensore piccolo contiene pixel più piccoli, che quindi catturano meno luce. Un sensore più grande, viceversa, contiene pixel più grandi che catturano più luce e generano meno rumore digitale.

Prima di acquistare una fotocamaera quindi, è importante sapere quale sensore monta la macchina e quali dimensioni abbia. In rete ci sono numerosissime comparazioni grafiche tra i diversi tipi di sensore, anche in relazione alle diverse marche.

I sensori più grandi sono quelli delle macchine full frame, ossia le macchine a pieno formato usate dai fotografi professionisti. I sensori delle fotocamere compatte invece sono sensibilmente più piccoli e da qui deriva la qualità minore delle foto rispetto non solo alle full frame, ma anche alle reflex e alle mirrorless.

C) Lo Zoom

In una fotocamera compatta ad esempio, lo zoom ottico è decisamente comodo perché in un attimo modifica la lunghezza focale e consente di fotografare anche particolari lontani. Ci sono compatte dotate di “superzoom” fino a 30 X ma quelli più diffusi arrivano a 12 X – 15 X. Da non tenere mai in considerazione è lo zoom digitale, che dovrebbe estendere ulteriormente la lunghezza focale (quindi avvicinare di più) ma che in realtà il più delle volte genera solo danni, perché produce, via software, un’immagine elaborata dalla macchina stessa, che mediante interpolazione, crea pixel dove non ci sono, abbassando enormemente la qualità dell’immagine.

D) L’Apertura del Diaframma

Oltre alla lunghezza dello zoom è bene controllare anche la luminosità dell’obiettivo perché condiziona il tempo di scatto e quindi la nitidezza della foto: più il tempo di scatto è breve, minori sono i rischi di micromosso. Il valore della luminosità, o apertura del diaframma, è riportato nella parte frontale dell’obiettivo. Ad esempio, su uno zoom 18 – 55 mm, la dicitura f 1.8 – f 5.6 ci informa che l’apertura massima del diaframma alla lunghezza di 18 mm (grandangolo) è di 1.8 (molto luminoso), mentre 5.6 si riferisce a quella massima a 55 mm. Più il valore dopo la “f” è alto, minore è l’apertura del diaframma e di conseguenza minore è la quantità di luce che colpisce il sensore.

E) Gli Obiettivi

Nelle fotocamere reflex e nelle fotocamere mirrorless, gli obiettivi sono intercambiabili: a meno che non si cerchi solo il corpo macchina, vengono tutte vendute con uno o due obiettivi in kit, per coprire più lunghezze focali possibile.

Qualitativamente, le ottiche fisse sono maggiori rispetto agli zoom ma costano anche molto di più. Il consiglio è di acquistare la fotocamera e imparare ad usarla con gli obiettivi in dotazione, dopodiché, se ne sentirete la necessità, esplorerete il mercato alla ricerca di qualcosa di più consono al proprio genere fotografico.

5) Altri aspetti da Considerare

A causa della loro particolare costruzione, molte macchine compatte e mirrorless non hanno mirino o ne hanno uno elettronico. Chi arriva dal mondo delle punta e scatta, attraverso lo schermo LCD non troverà, dunque, grosse differenze con quanto era già abituato a fare. Gli utenti che, invece, arrivano da una fotocamera analogica, si potrebbero trovare spiazzati dall’assenza del mirino. Guardare la scena attraverso di esso infatti, aiuta a concentrarsi solo sulla composizione della foto, senza distrazioni dovute ai riflessi della luce esterna.

A) Il Mirino: LCD o Mirino Elettronico ?

Il mirino elettronico, invece, si trova su alcune mirrorless e sulle compatte di fascia alta. Visto dall’esterno, il mirino elettronico è simile a quello ottico ma funziona in maniera totalmente diversa per l’assenza del pentaprisma.

Rispetto all’uso dell’LCD, il mirino elettronico consente di vedere meglio in situazioni di luce intensa o assai scarsa. Inoltre, visualizza sempre il 100% dell’immagine, quindi guardando nel mirino è possibile vedere come effettivamente sarà la fotografia.

Se già si sa di non poter fare a meno del mirino, ottico o elettronico che sia, il consiglio è di escludere a priori le macchine che ne sono prive perché abituarsi alla sua assenza e inquadrare solo tramite display, potrebbe rivelarsi più difficile del previsto.

B) La Resa dell’ISO

Un altro aspetto da prendere in considerazione quando si esaminano le caratteristiche della fotocamera è la resa agli alti ISO. Ovvero la capacità di produrre foto nitide anche in condizioni di luce molto scarsa, senza generare eccessivo rumore digitale (i puntini che caratterizzano le foto notturne scattate con macchine di scarsa qualità).

Il valore ISO è impostabile manualmente sulle reflex, sulle mirrorless e sulle compatte di fascia alta, quando ci si trova a scattare in situazioni di poca luce. Più il valore degli ISO è alto, più il sensore è sensibile alla luce ma allo stesso tempo aumenta la possibilità che le foto risultino disturbate. Le fotocamere, però, non si comportano tutte allo stesso modo, infatti a parità di ISO, alcune producono foto più rumorose di altre, a scapito della nitidezza e della qualità.

Per questo, la resa ad alti ISO è un fattore che incide sulla scelta finale della macchina fotografica, specialmente se si pensa di usarla molto in notturno o ambienti poco luminosi.

6) Funzionalità aggiuntive

Tutte le fotocamere consentono di fare riprese a risoluzioni più o meno alte. I modelli di maggiore qualità sono dotati di videocamere di livello professionale, usate anche da videomaker professionisti.

Anche l’utente amatoriale apprezza la presenza della videocamera, in quanto in un unico prodotto trova riunite tutte le caratteristiche necessarie per girare video e scattare foto ad alta definizione.

Un’altra funzionalità che sta riscuotendo sempre maggior successo sulle reflex e le mirrorless è la presenza di un display orientabile che, per alcuni tipi di ripresa, può tornare molto utile. Ad esempio per scattare foto suggestive da terra, o dall’alto, e non si ha altro modo di inquadrare la scena. Oppure per controllare facilmente la composizione di foto eseguite con la macchina sul cavalletto.

7) In conclusione

Quindi, ricapitolando, questi sono i 5 passi principali da seguire per scegliere la fotocamera digitale più adatta alle proprie esigenze:

1) Stabilire prima cosa si intende fotografare

2) Scegliere la giusta tipologia di macchina fotografica

3) Decidere un budget da spendere

4) Analizzare le caratteristiche tecniche della fotocamera digitale

5) Valutare il reale bisogno di funzionalità aggiuntive

8) Le Migliori Fotocamere Digitali – Le Nostre Classifiche

Dopo aver letto questa nostra guida su come scegliere una fotocamera digitale, consigliamo di leggere le nostre classifiche con le Migliori Fotocamere Digitali, divise per esigenze, per prestazioni e per fasce di prezzo:

La Migliore Fotocamera Compatta – Classifica

La Migliore Fotocamera Reflex Digitale – Classifica

La Migliore Fotocamera Mirrorless – Classifica

Per chi è interessato, abbiamo stilato una classifica anche per le Migliori Action Cam. Per sapere di più sulle Action Camera, puoi cliccare sul seguente link: Action Camera.

Come Scegliere una Fotocamera Digitale – Guida all’Acquisto ultima modifica: da Staff FotocameraTop

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz