Canon SX610 HS PowerShot è una fotocamera compatta piuttosto facile da usare, dotata di un potente zoom ottico da 18 x e da un sensore CMOS che offre una risoluzione di ben 20.2 MegaPixel. Questa compatta rappresenta la fotocamera ideale per chi non vuole spendere molto e non ha particolari esigenze artistiche.

Canon SX610 HS PowerShot

Il Nostro Voto

Dove Acquistarla al Miglior Prezzo?

 

Video Canon SX610 HS PowerShot

 

Recensione Completa Canon SX610 HS PowerShot

Canon SX610 HS PowerShotLa Canon SX610 HS PowerShot è una fotocamera digitale compatta dotata di un sensore CMOS da 20,2 Megapixel, di un processore di immagini Digic4+ e di un ottimo zoom 18x con focale equivalente a 25 – 450 mm nel formato 35 mm.
La fotocamera è in grado di riprendere filmati nello standard Full HD, integra un modulo Wifi ed un Chip NFC che permettono rapidi collegamenti con altri dispositivi, e dispone di un efficiente stabilizzatore ottico che migliora la fluidità dei filmati e consente di ottenere scatti nitidi anche con poca luce.
Ma diamo un’occhiata più da vicino alle caratteristiche tecniche della Canon PowerShot SX610 HS, e scopriamo quali siano i principali pregi di questa compatta e quali, invece, gli aspetti meno convincenti.

1. Accessori, Design e Materiali 

Canon SX610 HS PowerShot AccessoriLa confezione della Canon SX610 HS PowerShot include una batteria ricaricabile con relativo caricabatterie, un manuale di istruzioni ed un cinturino da polso; anche per quanto riguarda questo modello, Canon ha scelto di non includere un cavo USB: nel caso si volesse usare questa tecnologia per trasferire foto e filmati sul computer, sarà dunque necessario acquistare il cavo separatamente (il terminale è di tipo Mini-B).

Sin da subito, la Canon PowerShot SX610 HS ci ha colpiti per il suo elegante design, rivisto in più punti rispetto ai modelli precedenti della stessa linea; ottima anche la qualità costruttiva, sicuramente migliore rispetto a quella dei suoi diretti concorrenti: i materiali, seppure plastici, sono comunque di buon livello, e la fotocamera appare solida e robusta in ogni sua parte.

 

2. Controlli ed Ergonomia

Canon SX610 HS PowerShotCon dimensioni pari a 105 x 61 x 26 mm (per 191 grammi di peso), la Canon SX610 HS risulta allo stesso tempo abbastanza compatta da poter essere trasportata con facilità ed è sufficientemente grande da permettere una comoda impugnatura, ulteriormente migliorata da un rivestimento in gomma che ricopre alcune parti della fotocamera.

Sulla parte superiore della Canon PowerShot SX610 HS sono presenti il pulsante di scatto, la leva per regolare lo zoom, il pulsante On/Off e, sul lato opposto, il piccolo flash incorporato retrattile.
Nella parte inferiore del corpo macchina troviamo invece un attacco standard per il cavalletto ed il vano contenente scheda SD e batteria.

Canon SX610 HS PowerShotL’uscita HDMI ed il terminale USB sono situati sul lato sinistro della fotocamera, protetti da uno sportellino, mentre sul lato opposto troviamo il pulsante per sollevare il flash ed il simbolo NFC.
Sul retro della Canon SX610 HS PowerShot, a destra dell’ampio display LCD, è presente un classico pad direzionale, i cui tasti permettono di navigare nei menu e di richiamare funzioni specifiche; il tasto centrale FUNC/SET apre il menu che dà accesso a tutte le impostazioni che è possibile controllare nella modalità di scatto in uso.

Sotto il pad sono presenti il tasto Menu (che consente di accedere alle impostazioni generali della fotocamera), ed un pulsante che connette immediatamente la Canon SX610 HS ad uno smartphone precedentemente associato.
Sopra il Pad sono invece posti il tasto Riproduzione, per rivedere (e modificare) foto e filmati già acquisiti, il tasto per le riprese video, ed un selettore che consente di passare da una modalità di scatto all’altra.

 

3. Display, Menù e Funzioni Principali

Canon SX610 HS PowerShot DisplayLo schermo, benché non orientabile e privo di funzionalità touch, ci ha sorpresi per l’estrema nitidezza e luminosità; si tratta di un display LCD con diagonale da 3” e 922.000 punti di risoluzione.
Sulla parte superiore dello schermo vengono mostrate le consuete icone che descrivono alcune delle impostazioni in uso (come la modalità di scatto in funzione o le impostazioni di flash e stabilizzatore) ed altre informazioni sullo stato della fotocamera (livello di carica della batteria, numero di scatti ancora effettuabili e minuti di filmato rimanenti); queste informazioni possono essere nascoste premendo il tasto “Giù”.

In generale, la navigazione fra i menu appare abbastanza intuitiva, ed anche se le funzioni disponibili sulla Canon PowerShot SX610 HS sono davvero numerose, non occorrerà molto tempo per memorizzare la localizzazione di quelle principali.

Ciò che invece non abbiamo affatto apprezzato è la suddivisione delle varie modalità di scatto: il selettore fisico, infatti, consente di attivare la modalità “Auto-Ibrida”, la modalità “Scatto Creativo” o la modalità Automatica, ma in realtà, quest’ultima raggruppa una miriade di ‘sotto-modalità’ che dovranno essere impostate tramite il menu a video (accessibile premendo il tasto FUNC/SET). Come abbiamo già sottolineato descrivendo altri modelli Canon, avremmo sicuramente preferito poter accedere alle modalità più comuni (soprattutto alla Modalità Programma) direttamente dal selettore fisico.
Di seguito offriremo una panoramica delle principali modalità di scatto offerte dalla Canon PowerShot SX610 HS, iniziando proprio da quelle accessibili dal selettore fisico.

– La modalità “Auto-Ibrida” (prima posizione del selettore) permette di scattare una foto e di riprendere contemporaneamente un filmato della durata di pochi secondi (da 2 a 4), che inizia mentre la fotocamera calcola la messa a fuoco e termina immediatamente dopo l’acquisizione della foto. Tutti i filmati registrati nel corso di una giornata vengono poi uniti formando un “Diario”, i cui capitoli sono costituiti appunto da ognuno dei singoli video. Crediamo che si tratti di una funzione sicuramente utile, soprattutto se usata durante i viaggi, ma manca qualsiasi possibilità di personalizzarne il funzionamento: ci sarebbe ad esempio piaciuto poter stabilire quantomeno la durata dei vari filmati.

– La modalità “Scatto Creativo” (posizione centrale del selettore fisico) permette di scattare una foto e far sì che la fotocamera applichi ad essa, in maniera del tutto automatica, ritagli, rotazioni ed effetti speciali, così da memorizzare 6 diverse versioni di ogni singolo scatto. È possibile scegliere fra 4 diversi “set di filtri” da applicare, ovvero “Automatico”, “Monocromatico”, “Retro”, “Speciale” e “Naturale”, il che costituisce purtroppo l’unico aspetto personalizzabile di questa modalità.
La terza posizione del selettore fisico dà accesso a tutte le altre modalità di scatto della Canon PowerShot SX610 HS, ognuna delle quali è adatta a situazioni specifiche o consente di impostare più o meno liberamente i parametri di ripresa.

– La modalità ‘Smart Auto’ è la classica modalità completamente automatica, che lascia alla fotocamera la scelta di tutti i parametri; dal menu accessibile col tasto FUNC/SET, si potranno in questo caso controllare esclusivamente le impostazioni basilari dello scatto: è possibile scegliere fra Modo Scatto singolo o continuo, stabilire la risoluzione di registrazione di foto e filmati, attivare l’autoscatto (a 2 secondi, 10 secondi o con un ritardo arbitrario fra 1 e 30 secondi) e gestire il comportamento di stabilizzatore e flash.
Inoltre, in modalità Smart Auto, si può attivare la funzione ‘Zoom Auto’ che, dopo aver ‘agganciato’ un soggetto, regola automaticamente la lunghezza focale dello zoom per far sì che il suo volto appaia sempre delle stesse dimensioni, anche se il soggetto si dovesse avvicinare o allontanare.

– Passando in modalità Programma, si potrà intervenire con maggiore libertà nella scelta dei parametri di scatto, ed oltre alle impostazioni appena descritte, sarà anche possibile compensare l’esposizione (da -2 a +2 Stop), impostare il bilanciamento del bianco, stabilire la sensibilità ISO ed il metodo di lettura dell’esposimetro (“Valutativa”, “Media Ponderata al centro” o “Spot”).
Operando in modalità Programma, si avrà inoltre un maggiore controllo dell’Autofocus, potendo scegliere se utilizzare o meno l’AF Continuo e se calcolare la messa a fuoco sui visi automaticamente rilevati (impostazione predefinita in modalità Smart Auto) oppure solo sul punto centrale dell’inquadratura.
Si potrà inoltre gestire appieno il flash, forzandolo a scattare in qualunque situazione o impostandolo su “Sincro Lenta” (funzione utile per gli scatti in controluce).

Tra la miriade di altre ‘sotto-modalità‘ (oltre alla Smart Auto ed alla modalità Programma) alle quali si può accedere impostando il selettore fisico sulla terza posizione, figurano le classiche ‘Scene’, presenti un po’ su tutte le compatte economiche, come “Ritratto”, “Neve”, “Scatto Notturno Manuale”, “Scatto con Luce Scarsa” e “Fuochi d’Artificio”; scegliendo una di queste Scene, la fotocamera tenterà di stabilire dei parametri di scatto adatti alla situazione specifica.

Alcune delle modalità di scatto presenti nello stesso menu, applicano invece degli ‘effetti speciali’ alle foto riprese: in modalità ‘Extra Vivace’, ad esempio, l’immagine verrà registrata con colori particolarmente saturi, mentre in modalità ‘Monocromatico’ si potrà scegliere se convertire l’immagine in bianco e nero o se applicarvi una determinata tonalità (ad esempio Seppia).
La modalità ‘Effetto Fish Eye’ simula la distorsione tipica degli obiettivi ultragrandangolari, mentre la modalità ‘Effetto Miniatura’ produrrà una marcata sfocatura sopra e sotto il soggetto principale della foto; se applicata ai video, quest’ultima modalità consente inoltre di velocizzarne la ripresa di 5, 10 o 20 volte.

Nel lungo elenco di modalità di scatto della Canon SX610 HS PowerShot, troviamo poi “Otturatore Intelligente“: in questo caso, la fotocamera scatterà solo quando uno dei soggetti inquadrati avrà fatto l’occhiolino o avrà sorriso, oppure quando un nuovo volto si sarà inserito nell’inquadratura (insomma, una buona alternativa all’autoscatto).

Infine, abbiamo trovato estremamente interessante la modalità “Tempi Lunghi”, che permette di impostare manualmente la durata dell’esposizione scegliendo un tempo compreso fra 1 secondo e 15 secondi.

Sfogliando le foto ed i filmati memorizzati, la Canon PowerShot SX610 HS permette di visualizzare tutte le informazioni relative allo scatto, inclusi tempo di posa, sensibilità ISO ed apertura del diaframma; è anche presente un istogramma che indica il livello di luminosità dell’immagine, permettendo di individuare eventuali aree sovraesposte o sottoesposte.
Tutte queste informazioni possono comunque essere nascoste, per una visualizzazione più ottimale, premendo il tasto Giù/Disp.

La Canon SX610 HS consente poi di apportare alcune modifiche alle foto presenti sulla scheda SD, applicando filtri per vivacizzarne i colori, effettuando una conversione in bianco e nero o in tonalità seppia, rimuovendo gli occhi rossi, variando luminosità e contrasto, e così via; per quanto riguarda i video, in modalità Riproduzione è invece possibile solo tagliarne alcune parti, così da liberare spazio sulla scheda di memoria.
Tutte le modifiche possono essere applicate ad una copia del file, in modo da mantenere quello originale inalterato.

Il modulo Wifi ed il chip NFC permettono di collegare rapidamente la Canon PowerShot SX610 HS ad altri dispositivi, primi fra tutti smartphone e computer. Trasferire filmati e foto ad un computer tramite Wifi è estremamente facile ed immediato, ed anche chi non è abituato ad operare ‘senza fili’ non sentirà la mancanza del cavo USB; ciò che comunque ci ha più colpiti è la completezza della funzione Scatto Remoto: collegando la Canon SX610 HS PowerShot ad uno smartphone (o tablet), ed installando su di esso l’applicazione “Camera Connect” si potrà, oltre che comandare lo scatto a distanza, anche impostare il comportamento del flash ed attivare il timer, nonché avere il pieno controllo dello zoom; il tutto attraverso un’interfaccia semplice ed intuitiva.
Grazie al Wifi, è inoltre possibile assegnare alle foto i Geotag (associando la fotocamera ad uno smartphone con GPS), stampare le foto senza bisogno di un computer (se si dispone di una stampante compatibile), trasferire foto e filmati dalla Canon SX610 HS ad un’altra fotocamera ed inviare i file a diversi servizi Web e Social Network.

Lo stabilizzatore d’immagine invece si è mostrato piuttosto valido, ed in molti casi compensa la scarsa luminosità dell’obiettivo (della quale parleremo a breve), consentendo di ‘portare a casa’ scatti nitidi anche a focali molto spinte. Tenete comunque presente che è fortemente consigliabile servirsi di un treppiedi per utilizzare la Canon PowerShot SX610 HS (come d’altronde qualunque fotocamera) a 450 mm e/o in condizioni di scarsa luminosità.

 

4. Qualità Lenti, Immagini e Video

Canon SX610 HS PowerShotRispetto al modello precedente, la risoluzione della Canon PowerShot SX610 HS è stata portata da 16 a 20,2 Megapixel, sebbene le dimensioni del sensore siano rimaste invariate: si tratta di una minuscola unità da 1/2,3”. Vale la pena ricordare che la qualità di immagine è strettamente legata alle dimensioni fisiche del sensore, e che un aumento della risoluzione non sempre si traduce in un maggiore livello di dettaglio: al contrario, il rischio è proprio quello di ottenere immagini, seppure più ‘grandi’, meno definite e con più rumore digitale.

In effetti, benché la qualità d’immagine offerta dalla Canon PowerShot SX610 HS risulti relativamente elevata (in rapporto alla sua fascia di prezzo), crediamo che aver aumentato il numero di Megapixel rispetto al modello precedente non abbia apportato alcun beneficio; anzi, con una risoluzione più alta (e quindi una maggiore mole di lavoro per il processore d’immagine), si sono automaticamente ridotte sia le prestazioni della raffica (passata da 3,9 a 2,5 fotogrammi al secondo) sia quelle della batteria, la cui autonomia (comunque soddisfacente), è passata da 290 a 270 scatti.
Molto convincente è invece la qualità dei filmati, resi ancor più fluidi dall’ottimo stabilizzatore d’immagine integrato.

La Canon SX610 HS può scattare ad una sensibilità compresa fra 80 e 3200 ISO: anche ai valori massimi, il livello qualitativo delle immagini è sicuramente accettabile se si resta nell’ambito delle ‘foto ricordo’ (per le quali la qualità rappresenta di solito un aspetto marginale); tuttavia, osservando gli scatti alla risoluzione massima, il rumore digitale farà capolino già a sensibilità relativamente basse, e dagli 800 ISO in poi le foto appaiono fortemente penalizzate.

Lo zoom ottico da 18x rappresenta probabilmente il maggiore punto di forza della Canon PowerShot SX610 HS: è infatti possibile scattare ad una focale equivalente nel formato 35mm di 25-450mm, potendo quindi contare su un discreto grandangolo e su un teleobiettivo molto spinto, che permette di ingrandire anche soggetti posti ad una notevole distanza.

Non altrettanto eccezionale è la luminosità dell’obiettivo: l’apertura massima del diaframma va infatti da f/3,8 (focale minima) ad f/6,9 (focale massima); ciò significa che la fotocamera compatta necessiterà di tempi relativamente lunghi per esporre correttamente, rischiando di causare foto mosse; d’altro canto, una luminosità maggiore avrebbe inevitabilmente fatto lievitare il prezzo della Canon SX610 HS ed avrebbe inciso negativamente sulle sue dimensioni.

Al variare della lunghezza focale non abbiamo riscontrato un’eccessiva alterazione nella nitidezza delle foto: solo oltre i 300/350mm si assiste ad una lieve perdita di dettaglio, mentre sia alle focali più corte che a quelle più lunghe, abbiamo rilevato una notevole aberrazione cromatica in particolari condizioni di luce; ciò è comunque comprensibile se si considera che la Canon PowerShot SX610 HS è pur sempre una compatta economica; la vignettatura, seppure talvolta visibile a 25 mm, non influisce pesantemente sulla foto (e si può comunque rimuovere facilmente in post-produzione).
Possiamo dirci pienamente soddisfatti del funzionamento dell’Autofocus, abbastanza rapido anche dopo il calare del sole; la funzione di tracking del soggetto, sebbene distante anni luce dall’efficienza delle Reflex, può certamente dare molte soddisfazioni.

 

 

Vantaggi e Svantaggi

vantaggi

Vantaggi

  • Ottimo rapporto Qualità / Prezzo
  • Buona qualità delle foto in condizioni di scarsa luminosità
  • Buone prestazioni dello Zoom
  • Corpo Robusto ed Ergonomico
  • Stabilizzatore di immagine decisamente efficiente
  • Modulo Wifi e NFC integrati
  • Display LCD molto luminoso e nitido
  • Facile da usare

svantaggi

Svantaggi

  • Effetti poco personalizzabili
  • Display non orientabile
  • Cavo USB da acquistare a parte
  • La qualità dell’immagine complessiva poteva essere migliorata ulteriormente

 

Le Nostre Opinioni

I due maggiori pregi della Canon PowerShot SX610 HS sono rappresentati da una qualità costruttiva degna di nota e da uno zoom dalla portata eccezionale da ben 18x (considerando la compattezza del corpo macchina).

La qualità di immagine risulta accettabile, ma da questo punto di vista non sono apprezzabili differenze rispetto a quanto offerto dai modelli più economici, mentre le possibilità di personalizzare i vari effetti, così come i parametri dell’esposizione, lasciano un po’ a desiderare.

In definitiva, pensiamo comunque che la Canon SX610 HS abbia un ottimo rapporto qualità / prezzo e la consigliamo a chi cerca una fotocamera versatile e resistente, semplice da usare e comoda da trasportare, in grado di adattarsi a qualsiasi situazione.
Se invece siete interessati al lato più “artistico” della fotografia, potreste presto sentire l’esigenza di una maggiore libertà nella scelta dei parametri di scatto, e in questo caso vi suggeriamo di orientarvi su modelli di fotocamera più evoluti.

 

Voti Finali

  • Design - 7.5/10
    7.5/10
  • Materiali - 7.5/10
    7.5/10
  • Ergonomia - 7.4/10
    7.4/10
  • Qualità Immagini - 7/10
    7/10
  • Qualità Video - 7.2/10
    7.2/10
  • Qualità / Prezzo - 8/10
    8/10

Voto Totale

7.4/10

 

 

Share Button

Ti potrebbero interessare anche: